La Grande Guerra
La Guerra della Brigata Sassari
La nascita della Leggenda
» Il mito della Brigata Sassari
» I caratteri del soldato sardo
» Le ragioni della Leggenda
» La Brigata Sassari negli organi di stampa
» La movimentazione della Brigata Sassari
» Certo non solo numeri
Note bibliografiche e fotografiche
Le fotografie della Grande Guerra
» Fotografi soldati e soldati fotografi
I perché
Gli uomini
» Alfredo Graziani
» Camillo Bellieni
» Giuseppe Musinu
» Giuseppe Tommasi
» Leonardo Motzo
» Sardus Fontana
Un ricordo in onore di ...
» In onore di Giovannangelo Sanna, di Orune
» In onore di Leonardo Motzo e Giovanni Zolo, di Bolotana
I campi di battaglia della Sassari
» Il Carso e le sue Doline
» Monte Fior
» Monte Zebio e l`Altipiano di Asiago
Gli Eventi per il Centenario
» Sardegna e Sardi nella Grande Guerra: l`eco della stampa
Oggi come allora ...
Battorchentas iddhas ...
» Tuili e i suoi fanti
» Silanus e i suoi Fanti
» Fordongianus e i suoi Fanti
» Ovodda e i suoi Fanti
» Decimomannu e i suoi Fanti
» Assemini e i suoi Fanti
» Portotorres e i suoi fanti
se vuoi sostenerci clicca sui nostri sponsor
______________________________
 
 
 

                                                                                

 

Battorchentas iddhas ...
In queste pagine troverete le immagini,  di cui molte  inedite, dei  Fanti che combatterono " sa gherra e su bindighi ".
Le abbiamo raccolte per " iddhas " , per paesi,  in modo da fornire una consultazione più razionale.
Ma tutti  i nostri Fanti di allora sono uniti nel nostro cuore, per il loro immenso sacrificio.
I quattrocento paesi della nostra isola diedero alla nazione il loro sangue migliore, più forte, più giovane,  " su sambene prùs sincèru " .
Centomila sardi dovettero abbandonare la loro terra per combattere nel più estremo lembo di terra italiana. Combattere contro  un nemico sconosciuto, mitizzato, e usato in maniera specifica per esercitare "l`arte della guerra" di stampo ottocentesco.
 
Una " guerra di materiali " ove, anche e ancora, l`essere umano era considerato "mero materiale bellico"  del tutto sacrificabile, senza alcun ritegno: questo recitava la visione cadorniana della guerra.  
Migliaia di fanti mandati verso morte certa, verso le trincee nemiche che inondavano la terra di nessuno di una tale quantità di piombo rovente da seminare, in un attimo, un numero di morti sino allora mai visto.
 
L`Alto Comando esercitò in questo modo "l`arte della guerra", quasi autoreferenziandosi,  solo per giustificare la presenza degli alti ufficiali sulla linea della fronte di guerra, addirittura per giustificare la propria esistenza come il Generale Leone, descritto da Lussu nel suo capolavoro "Un anno sull`altipiano".  
 
  
Bonu viaggiu ...


è un'idea di Roberto Pilia
home |  mappa del sito |  newsletter |  contattaci |  privacy |  inviaci il tuo materiale | 
Tutti i Diritti Riservati - All Rights Reserved.
E' vietata la riproduzione anche parziale di questo sito o sue parti in qualsiasi forma e su qualsiasi supporto.
Utenti Connessi:  28 | Totale Visite:  1136565
Il tuo ip: 54.196.33.246
Realizzazione:  Bezier - www.bezier.it