La Grande Guerra
La Guerra della Brigata Sassari
La nascita della Leggenda
» Il mito della Brigata Sassari
» I caratteri del soldato sardo
» Le ragioni della Leggenda
» La Brigata Sassari negli organi di stampa
» La movimentazione della Brigata Sassari
» Certo non solo numeri
Note bibliografiche e fotografiche
Le fotografie della Grande Guerra
» Fotografi soldati e soldati fotografi
I perché
Gli uomini
» Alfredo Graziani
» Camillo Bellieni
» Giuseppe Musinu
» Giuseppe Tommasi
» Leonardo Motzo
» Sardus Fontana
Un ricordo in onore di ...
» In onore di Giovannangelo Sanna, di Orune
» In onore di Leonardo Motzo e Giovanni Zolo, di Bolotana
I campi di battaglia della Sassari
» Il Carso e le sue Doline
» Monte Fior
» Monte Zebio e l`Altipiano di Asiago
Gli Eventi per il Centenario
» Sardegna e Sardi nella Grande Guerra: l`eco della stampa
Oggi come allora ...
Battorchentas iddhas ...
» Tuili e i suoi fanti
» Silanus e i suoi Fanti
» Fordongianus e i suoi Fanti
» Ovodda e i suoi Fanti
» Decimomannu e i suoi Fanti
» Assemini e i suoi Fanti
» Portotorres e i suoi fanti
se vuoi sostenerci clicca sui nostri sponsor
______________________________
 
 
 

                                                                                

 

Silanus e i suoi Fanti
Galleria Fotografica
(clicca per ingrandire)

Abbiamo ricevuto dalla Signora Sandra Cappai, che ora vive a Milano e nipote del Fante Luigi Cappai, di Silanus, la lettera che segue.
Con grande piacere la pubblichiamo, così come è arrivata, insieme alla documentazione, con lo scopo di onorare ancora Luigi Cappai, Fante del 151esimo Reggimento Brigata Sassari, e rendere onore e merito alla Signora Sandra, e ai suoi familiari, per avere nel tempo custodito i cari ricordi del nonno e di averli voluti condividere con tutti i Sardi. Grazie Signora Sandra.
 
" Buonasera, 
ho letto dell`iniziativa che avete lanciato per l`anniversario del centenario della Prima Guerra Mondiale, e vi invio con grande piacere la documentazione di mio nonno che ho raccolto negli anni. 
Purtroppo mio nonno è mancato prima che io nascessi e quindi le conoscenze che ho dell`argomento sono molto recenti e incomplete. 
Cappai Luigi (il padre di mio padre) era un soldato del 46° Reggimento Fanteria e successivamente del 151° Reggimento della Brigata Sassari, suo fratello Cappai Giovanni è morto in battaglia ed è sepolto nel sacrario di Redipuglia (ero andata a Redipuglia con mio figlio e ho visto io stessa il suo nome, tra le migliaia dell`imponente monumento, con tutti i "PRESENTE" negli scalini). 
Purtroppo mio nonno nel novembre del 1917 fu fatto prigioniero dagli austriaci mentre si trovava sul Piave, io ho fatto delle ricerche, ma non sono riuscita a sapere in quale campo di prigionia è stato deportato (forse Mauthausen, ho letto che chi veniva fatto prigioniero sul Piave veniva portato lì), con dispiacere ho letto anche che chi era finito come prigioniero di guerra veniva additato con disprezzo e trattato come un disertore. 
Comunque Vi invio : 
- il foglio matricolare rilasciato nel 1958 nel distretto militare di Oristano 
- lo stesso foglio matricolare ma in una "nuova versione" (sembra rifatto), rilasciato dal distretto militare di Cagliari (non so perchè le mie zie lo abbiano richiesto) 
- il foglio da dove risulta che il fratello di Cappai Luigi, tale Cappai Giuseppe di Giovanni è morto durante la Grande Guerra, recuperato dal link   
http://www.cadutigrandeguerra.it/Albo_Oro/Archivi/19/51.jpg
- le memorie che mia zia ha recuperato mentre era in vita mio nonno (io vi allego una copia in formato word, ma ho anche gli originali scritti a mano da lei, che è venuta a mancare pochi anni fa) 
- il foglio di congedo illimitato del Regio Esercito Italiano 
- la foto di mio nonno scattata prima di partire per il fronte. 
Mi piacerebbe tantissimo sapere qualcosa di più sulla sua vicenda... ,se la sua storia si aggancia con quella di qualche altro soldato...., se c`è la possibilità di conoscere in quale campo di prigionia è stato deportato e se ci sono tracce nei vari ospedali o corpi d`armata ...., mi piacerebbe vedere la sua povera storia pubblicata sul Vostro sito per rendere onore a lui e a tutti i semplici soldati che la guerra non l`hanno voluta ma sono stati costretti a combatterla, per poi essere dimenticati e a volte disprezzati. 
Io so solo che mio padre, nato nel 1929, dopo 11 anni dalla fine della guerra, non ha mai sentito suo padre parlare della sua esperienza, come io non sento mai mio padre parlare della sua esperienza nelle miniere del Belgio, della Germania e dell` Olanda se non lo costringo a farlo per lasciarmi qualche memoria.

Vi saluto cordialmente e Vi ringrazio ancora, 
Cappai Sandra, insieme a mia cugina Cappai Luisanna e a mia sorella Cappai Pieranna 
"
 
 


è un'idea di Roberto Pilia
home |  mappa del sito |  newsletter |  contattaci |  privacy |  inviaci il tuo materiale | 
Tutti i Diritti Riservati - All Rights Reserved.
E' vietata la riproduzione anche parziale di questo sito o sue parti in qualsiasi forma e su qualsiasi supporto.
Utenti Connessi:  1 | Totale Visite:  1032667
Il tuo ip: 54.81.185.16
Realizzazione:  Bezier - www.bezier.it